Check Up Tiroide - BIOS S.r.l. Laboratorio Analisi Cliniche - COSENZA
16921
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-16921,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-sans serif studio,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
 

Check Up Tiroide

Il Check Up Tiroideo comprende una serie di esami sierologici che permettono di controllare il corretto funzionamento della tiroide e di diagnosticare le eventuali patologie più diffuse che interessano tale organo.

PACCHETTO BASE

 

FT3

FT4

TSH

 

Il prezzo del pacchetto è di € 20,00

PACCHETTO COMPLETO

 

FT3

FT4

TSH

Anticorpi anti tireoperossidasi (AB-TPO)

Anticorpi anti tireoglobulina (A-TG)

Calcitonina

Tireoglobulina

 

Il prezzo del pacchetto è di € 65,00

COME PREPARARSI AGLI ESAMI

 

  1. Presentarsi a digiuno;
  2. Portare tessera sanitaria

 

A chi è rivolto il check up

 

Tenere sotto controllo il corretto funzionamento della tiroide è fondamentale soprattutto per le donne in pre o post-menopausa, ma anche per gli uomini che hanno avuto casi di alterazioni tiroidee in famiglia.

Consigliato anche a persone affette da stanchezza cronica o a soggetti che hanno registrato improvvise perdite di capelli o repentini aumenti o cali di peso, associati a tachicardia o aumentata irritabilità.

 

 

PER SAPERNE DI PIù

 

La tiroide è una ghiandola che si trova nella regione anteriore del collo alla base della gola. Nonostante le sue dimensioni ridotte, ricopre un ruolo estremamente importante in quanto influenza buona parte delle attività dell’organismo umano.

La sua azione si esplica attraverso la produzione di ormoni che vengono secreti direttamente nel circolo sanguigno.

 

Gli ormoni prodotti dalla tiroide sono essenzialmente 3:

  • la triiodotironina (T3)
  • la tiroxina (T4)
  • la calcitonina (che ha un ruolo ipocalcemizzante ovvero abbassa i livelli di calcio nel sangue aumentandone il riassorbimento a livello osseo, l’ escrezione a livello renale e inibendone il riassorbimento a livello intestinale).

 

Gli ormoni (T3 e T4) vengono prodotti dalla tiroideo in seguito alla stimolazione da parte del TSH, una glicoproteina sintetizzata e secreta dall’ipofisi, i cui livelli sono strettamente correlati a quelli degli ormoni tiroidei T3 e T4 (il meccanismo con cui gli ormoni tiroidei regolano i livelli di TSH sono definiti “a feedback”, ovvero, l’aumento della concentrazione di T3 e T4 inibisce la sintesi e l’escrezione di TSH, viceversa, la diminuzione della concentrazione di T3 e T4 stimola la sintesi ed escrezione del TSH).

 

Gli ormoni T3 e T4 svolgono innumerevoli funzioni:

  • regolano lo sviluppo cerebrale del feto e del lattante e in generale sono molto importanti per il corretto sviluppo scheletrico e corporeo del bambino.

 

Inoltre regolano il metabolismo nell’adulto e in modo particolare:

  • stimolano sia la lipolisi (utilizzo di grasso a scopo energetico), sia la lipogenesi (sintesi di tessuto adiposo), con effetto prevalente sulla lipolisi;
  • stimolano sia la glicogenolisi (utilizzo glucosio a scopo energetico), sia la glicogenesi (sintesi di glicogeno come riserva di glucosio);
  • partecipano alla sintesi proteica
  • aumentano la motilità intestinale, favoriscono l’assorbimento della cianocoballamina (vit. B12) e del ferro; aumentano la sintesi di eritropoietina, il flusso renale e la filtrazione glomerulare; stimolano la produzione endogena di altri ormoni (GH); hanno ruolo permissivo sulle funzioni riproduttive e regolano il trofismo di cute ed annessi.

 

Gli ormoni tiroidei hanno anche effetti cardiovascolari, aumentano la contrattilità miocardica (effetto inotropo positivo), innalzano la frequenza cardiaca (effetto cronotropo positivo) ed aumentano il ritorno venoso al cuore; sono quindi essenziali per la funzionalità cardiaca.

MALATTIE DELLA TIROIDE

 

Si definisce ipertiroidismo una condizione clinica caratterizzata dall’aumento degli ormoni tiroidei in circolo.

Similmente, una condizione clinica caratterizzata da una diminuzione degli ormoni tiroidei in circolo si definisce ipotiroidismo.

Queste patologie alterano il metabolismo e influenzano anche il corretto funzionamento di vari organi tra cui il sistema nervoso e il cuore.

Nel lattante e nel bambino sono quindi molto pericolose in quanto possono provocare problemi nello sviluppo del sistema nervoso (cretinismo) e problemi in generale nello sviluppo corporeo (nanismo).

Nell’ adulto, invece, gli ormoni tiroidei non sono essenziali per la sopravvivenza, tuttavia influenzano la qualità della vita.

I sintomi più frequenti di ipo e ipertiroidismo sono:

  • affaticamento
  • sensazione di freddo
  • scarsa memoria e concentrazione
  • aumento di peso con scarso appetito
  • fiato corto e voce rauca
  • menorragia
  • deficit nell’udito
  • perdita di peso
  • affaticamento e indebolimento
  • iperattività e irritabilità
  • sudorazione
  • palpitazioni e aritmia
  • nausea e vomito
  • dissenteria