Diagnosi di infezione tubercolare: Test di Mantoux VS Quantiferon TB - BIOS S.r.l. Laboratorio Analisi Cliniche - COSENZA
17441
post-template-default,single,single-post,postid-17441,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-sans serif studio,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Diagnosi di infezione tubercolare: Test di Mantoux VS Quantiferon TB

Condividi su:

La tubercolosi è una malattia infettiva e contagiosa causata dal batterio Mycobacterium tubercolosis o bacillo di koch. Nella maggior parte dei casi interessa i polmoni e si trasmette per via aerea da persona a persona attraverso le goccioline di saliva emesse con starnuti, colpi di tosse, fonazione, baci e via discorrendo.

Circa il 90% delle persone che entrano in contatto coi bacilli della tubercolosi guariscono per sempre senza sequele, e senza bisogno di ricorrere ad alcun tipo di terapia, tuttavia, esistono alcuni casi in cui si possono verificare le seguenti evenienze:

  • Si sviluppa un’infezione attiva: se il sistema immunitario non riesce ad arginare l’infezione, i batteri della tubercolosi si moltiplicano nelle cellule dell’ospite a livello degli alveoli polmonari e possono essere trasmessi attraverso le goccioline di saliva emesse tossendo. In questa condizione i pazienti sviluppano sintomi quali tosse continua, emottisi e dolori toracici all’atto di tossire, perdita di peso accompagnata a febbre, sudorazioni notturne, brividi, perdita di appetito e tendenza ad affaticarsi molto facilmente;
  • Sviluppare un’infezione latente che a distanza di tempo si riattiva. Spesso tale evenienza è concomitante alla temporanea o cronica debilitazione del sistema immunitario, ad esempio per l’abuso di alcool e droghe, denutrizione, chemioterapia, malattie autoimmuni, AIDS, uso prolungato di farmaci corticosteroidi o inibitori del TNF.

Diagnosi di infezione tubercolare: Test di Mantoux VS Quantiferon TB

Il test più antico e conosciuto, ancora oggi in uso, per la diagnosi di infezione tubercolare è il Test di Mantoux o test di introdermoreazione. Il test valuta la risposta immunitaria cellulo-mediata (ipersensibilità di tipo ritardato) al derivato proteico purificato (PPD, che ha sostituito la miscela di antigeni grezzi nota come tubercolina di Koch). Il PPD è un cocktail di antigeni micobatterici estratti dal bacillo tubercolare, alcuni dei quali sono comuni a diverse specie non tubercolari ed al ceppo vaccinale Mycobacterium bovis Calmette Guerin (BCG).

Per tale ragione il test di Mantoux presenta alcuni inconvenienti:

  1. Bassa specificità nel distinguere persone affette da infezioni tubercolari rispetto a persone affette da altre infezioni non tubercolari e/o precedentemente immunizzate con il vaccino BCG;
  2. Bassa sensibilità in particolar modo in presenza di condizioni che causano deficit immunitari, quali AIDS, immunosoppressioni iatrogene, tubercolosi avanzata, malnutrizione, infanzia e vecchiaia; nonché nelle fasi iniziali della malattia tubercolare.

Vi sono inoltre varie problematiche inerenti al test. La corretta esecuzione del test cutaneo non è infatti semplicissima, in quanto richiede l’inoculo in sede rigorosamente intradermica, e nemmeno l’interpretazione è agevole in quanto risente molto della soggettività dell’operatore.

Il Quantiferon TB è un test, approvato dalla Food and Drug Administration negli Stati Uniti d’America, che si basa sul principio che i linfociti T di individui sensibilizzati con determinati antigeni producono interferone-γ (IFN-γ) qualora vengano nuovamente in contatto con questi. La produzione di IFN-γ da parte di linfociti cimentati con antigeni del bacillo tubercolare è quindi considerata indicativa di infezione tubercolare.

  1. Il test quantiferon riesce, con elevata specificità e sensibilità, a distinguere un’infezione tubercolare da infezioni non tubercolari e quindi discriminare i falsi positivi del test di Manotux;
  2. Escludere falsi positivi di soggetti immunizzati con il vaccino BCG;
  3. Svelare una condizione di tubercolosi latente.

Identificare una condizione di tubercolosi latente è molto importante soprattutto per i soggetti immunodepressi, in particolare in coloro che hanno un deficit nella risposta cellulo-mediata, in quanto sono ad alto rischio di sviluppare tubercolosi attiva, quindi è essenziale intervenire immediatamente con le terapie opportune.

In conclusione il Quantiferon TB è un test che rispetto al test di Mantoux presenta i seguenti vantaggi:

  • E’ un test molto più veloce e di più facile esecuzione;
  • E’ in grado di identificare e distinguere infezioni tubercolari da infezioni non tubercolari;
  • E’ in grado di distinguere soggetti affetti da infezione tubercolare da soggetti precedentemente immunizzati con il vaccino BCG;
  • E’ in grado di diagnosticare infezione tubercolare latente.