Soffri di emicrania? DAO TEST - BIOS S.r.l. Laboratorio Analisi Cliniche - COSENZA
17452
post-template-default,single,single-post,postid-17452,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-sans serif studio,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Soffri di emicrania? DAO TEST

Condividi su:

Il ma di testa, in termine medico cefalea, è una condizione molto frequente all’interno della popolazione. Secondo la classificazione internazionale, le cefalee sono classificate in:

  • primarie, senza un’apparente causa scatenante;
  • secondarie a una causa ben precisa che può essere un’infezione e/o un’infiammazione.

 

Tra le cefalee primarie troviamo l’emicrania, descritta come un dolore intenso di tipo pulsante, che tende a sorgere lentamente nella parte anteriore o su un lato della testa.L’emicrania si manifesta con attacchi ricorrenti, che si presentano con una frequenza molto variabile: da pochi episodi in un anno a 2-3 crisi alla settimana. L’attacco emicranico può durare alcune ore o, nei casi più gravi, qualche giorno.
Molto spesso le persone presentano anche altri sintomi quali:

  • Nausea che può essere seguita da vomito;
  • Aumento della sensibilità: si può avvertire fotofobia (sensibilità alla luce), fonofobia (sensibilità al suono) e/o osmofobia (sensibilità agli odori).

 

Le cause

Non esiste con esattezza una causa che scateni l’emicrania, con molta probabilità, intervengono diversi fattori di natura biologica, ambientale e genetica.

Tra le molteplici cause, tuttavia, ne esiste una ben conosciuta che riguarda una mutazione genetica che porta ad un’insufficiente produzione e/o attività dell’enzima Diaminossidasi (DAO). La funzione della DAO è quella di neutralizzare l’eccesso di istamina presente nel nostro organismo. Una ridotta produzione e/o attività della DAO determina un  accumulo di istamina che causa l’attivazione di una serie di fenomeni vascolari che possono sfociare in un attacco di emicrania.

Diversi studi clinici hanno rilevato che il 95% dei pazienti affetti da emicrania presenta un deficit dell’attività dell’enzima DAO.

Diagnosi e soluzioni

Oggi è possibile determinare con un test di laboratorio effettuato su un semplice campione di sangue la propria capacità di metabolizzare l’istamina tramite l’analisi dell’attività dell’enzima DAO.
L’attività dell’enzima DAO non è sempre correlata alla concentrazione dell’enzima stesso, quindi la sola analisi della sua concentrazione non sarebbe sempre utile per verificare la causa dell’emicrania. Il DAO test, invece, valuta l’attività dell’enzima DAO nel sangue mediante una tecnica immunoenzimatica.
L’identificazione di una riduzione dell’enzima DAO come fattore scatenante dell’emicrania permette un efficace trattamento preventivo della malattia, con un conseguente miglioramento della qualità di vita del paziente. Sarà il medico curante a proporre la corretta terapia a seconda del quadro clinico del paziente; un aiuto efficace può essere rappresentato dall’assunzione di enzima DAO esogeno sotto forma di integratore alimentare.

Il test è rivolto alle persone che soffrono di:

  • frequenti mal di testa e/o emicranee;
  • respiro rumoroso;
  • edemi;
  • occhi gonfi;
  • sfoghi cutanei;
  • disordini gastrointestinali;

o come monitoraggio di una dieta.

 

Istamina e alimenti

L’istamina è una sostanza estremamente diffusa negli organismi e ricopre un ruolo importante nelle reazioni allergiche e infiammatorie. E’ contenuta naturalmente in diversi alimenti e si forma perlopiù durante la maturazione e la conservazione di prodotti altamente proteici quali formaggio, insaccati, conserve (ad esempio il tonno in scatola), ketchup, vino rosso o spumante. Vi sono poi altri alimenti in grado di favorire una produzione di istamina da parte dell’organismo, quali il latte, le banane, il cioccolato. Il consumo di alimenti “istaminici” o capaci di liberare istamina, in condizioni di buona salute generalmente non causa nessun problema, perché l’istamina viene normalmente metabolizzata ed eliminata dall’enzima DAO prodotto dal corpo umano. Se un individuo presenta invece un deficit nella produzione dell’enzima DAO, l’istamina non viene eliminata e si accumula nel corpo, dando origine a una serie di disturbi, tra cui l’emicrania. Dal momento che l’azione dell’istamina provoca dei sintomi simili a quelli riscontrati nelle reazioni allergiche, spesso si confondono le patologie, fino a scambiare per allergia alimentare ciò che invece è un’esaltata attività istaminica. Anche per questo è fondamentale verificare se l’origine del mal di testa è una ridotta attività dell’enzima Diaminossidasi (DAO).

Raccomandazioni per l’esame

  • effettuare l’esame nelle 24-72 ore successive alla crisi di emicrania;
  • rispettare il digiuno da 8 ore;
  • sospendere temporaneamente la somministrazione di farmaci che possano inibire l’enzima DAO (tra cui gli antiinfiammatori, antidepressivi, diuretici, antibiotici, procinetici, mucolitici, neurolettici e altri);
  • la sintesi placentaria dell’enzima DAO è la causa per cui gli attacchi di emicrania diminuiscono durante la gravidanza. Per questo motivo non si consiglia l’esecuzione di tale esame in gravidanza.