UREA BREATH TEST (HELICOBACTER PYLORI) - BIOS S.r.l. Laboratorio Analisi Cliniche - COSENZA
17105
post-template-default,single,single-post,postid-17105,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-sans serif studio,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

UREA BREATH TEST (HELICOBACTER PYLORI)

Condividi su:

L’urea breath test è un esame semplice, non invasivo, indolore e di grande accuratezza diagnostica, ampiamente utilizzato per la diagnosi dell’infezione da Helicobacter Pylori. Questo microrganismo è considerato l’unico batterio capace di resistere all’acidità dell’ambiente gastrico, al punto tale da insidiarsi nella mucosa gastrica ed ivi replicarsi; tale caratteristica è conferita dalla spiccata capacità di produrre ureasi, un enzima che scinde l’urea nello stomaco liberando acido carbonico ed ammoniaca; in questo modo, l’ureasi neutralizza gli acidi gastrici creando un microambiente favorevole alla replicazione del batterio.

La crescita dell’Helicobacter Pylori porta con sé una serie di spiacevoli conseguenze per il paziente, predisponendolo alla gastrite, all’ulcera dello stomaco e, in alcuni casi, al cancro allo stomaco.

Grazie ad una eccellente specificità (pari al 100%) e sensibilità (pari al 97%), l’urea breath test, può essere ripetuto nel tempo per monitorare l’efficacia della terapia medica intrapresa per eradicare l’infezione da Helicobacter Pylori.

Principio del test

L’urea breath test sfrutta l’elevata attività ureasica di questo microrganismo per diagnosticare l’infezione.

L’esame si basa sulla somministrazione di urea marcata con un’isotopo del carbonio, il 13C, presente in natura, non radioattivo e completamente innocuo; una volta ingerita, l’ureasi prodotta dal batterio idrolizza l’urea in ammoniaca ed anidride carbonica, che viene assorbita dalle pareti gastriche, quindi veicolata dal sangue e rapidamente escreta nell’aria espirata.

Per quanto detto, in presenza di un’infezione gastrica da parte di Helicobacter Pylori, ritroveremo una certa quantità di anidride carbonica radiomarcata nell’aria espirata dal paziente dopo pochi minuti dall’inizio del test. Analizzando quest’aria tramite appositi strumenti si risale al rapporto tra l’isotopo del carbonio scelto per marcare l’urea ed il 12C, il più frequente in natura.

Nel soggetto sano non si registra attività ureasica a livello gastrico per l’assenza del batterio; pertanto l’urea somministrata dal test viene assorbita ed eliminata nelle urine.

Preparazione all’esame

Il giorno del breath test il paziente deve presentarsi in laboratorio a digiuno da almeno 6 ore se adulto, 3 se bambino.

Non deve aver fumato dalla mezzanotte.

Deve astenersi dall’assunzione di caffè la mattina prima dell’esame.

Inoltre NON DEVE AVER ASSUNTO:

  • Farmaci antibiotici e chemioterapici da almeno 4 settimane;
  • Farmaci antiacidi da almeno 15 giorni;
  • Farmaci inibitori di pompa protonica la cui molecola può essere omeprazolo, lansoprazolo, pantoprazolo, esomeprazolo, rabeprazolo e ranitidina da almeno dieci giorni.

 

Il test ha una durata di circa 40 minuti.

 

Prenota gli esami telefonando al numero 0984 48 33 57.