fbpx

ALEX (Allergy Explorer) è un nuovo test di diagnostica molecolare nel campo dell’allergologia, capace di misurare il grado di sensibilizzazione allergica a 282 allergeni contemporaneamente. (“Extended IgE profile based on an allergen macroarray: a novel tool for precision medicine in allergy” – World Allergy Organization Journal).

Allergia: percorso diagnostico

I test di primo livello per la diagnosi di allergie sono i test cutanei. Questi, in alcuni casi, non sono in grado di identificare l’allergene responsabile della reazione allergica. Esistono, infatti, situazioni in cui un paziente risulta positivo a più allergeni e si pone dunque il problema di capire quali siano clinicamente rilevanti, ovvero correlati ai sintomi clinici e quali siano trascurabili.

In casi come questi si procede con i test di secondo livello, che si effettuano sul siero e vanno a dosare i livelli ematici di IgE (immunoglobuline E, gli anticorpi coinvolti nelle reazioni allergiche) verso una fonte allergica, ad esempio pollini o acari. In caso di esito positivo risulta chiara la fonte allergenica, tuttavia non si conosce la proteina allergenica specifica, questo perchè alcune proteine sono tipiche della fonte allergenica, mentre altre sono condivise da più fonti. Ai fini della diagnosi, è indispensabile capire quali reattività siano genuine e quali dovute al fenomeno della cosiddetta cross-reattività.

ALEX: il nuovo test per la diagnosi allergologica molecolare

Il nuovo test per la diagnostica molecolare chiamato ALEX (Allergy Explorer) rappresenta un punto di svolta nel campo allergologico. Il test è infatti in grado di misurare, con un unico prelievo di sangue, 282 componenti contemporaneamente, di cui 125 sono singole proteine. 

Nello studio pubblicato sul World Allergy Organization Journal è stato verificato che i risultati del test sono ripetibili, correlabili a quelli ottenuti con altri test sierici e dunque attendibili. Pertanto, si può concludere, che questo test è perfetto in ambito allergologico in quanto riesce ad individuare la vera causa della reazione allergica e quindi consente di scegliere la terapia più appropriata. ALEX fornisce il più ampio risultato possibile in ambito di componenti allergiche valutate.

Questo test risulta fondamentale anche per quanto riguarda le allergie ai pollini e alimentari. Infatti, ci sono molte proteine che sono presenti in diverse fonti del mondo vegetale, alcune delle quali, se ingerite possono dar vita a reazioni allergiche molto gravi rispetto ad altre che determinano, invece, a comparsa di sintomi lievi.

Sapere a quali proteine il paziente è allergico permette di stratificare il rischio della gravità dell’allergia e di fornire al paziente indicazioni più precise in termini di consumi alimentari, suggerendo quali alimenti può mangiare senza problemi e a quali invece deve prestare attenzione perché la loro ingestione potrebbe determinare una reazione allergica e di che entità.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*