La tiroide è una ghiandola che si trova alla base del collo, dalla parte anteriore, preposta alla produzione e alla secrezione degli ormoni tiroidei, che sono deputati alla crescita e allo sviluppo dell’organismo.

Perchè controllare la Tiroide: Ipotiroidismo e Ipertiroidismo

La tiroide è fondamentale per il benessere dell’organismo, ha un ruolo cruciale in tantissimi meccanismi come: lo sviluppo del sistema nervoso e sessuale, regola il metabolismo e la temperatura corporea, influisce sul ritmo sonno-sveglia, interviene nello sviluppo dello scheletro e persino sulla salute dei capelli e della pelle.

Può succedere, tuttavia, che inizi a funzionare male: a volte troppo in fretta, ipertiroidismo, a volte troppo lentamente, ipotiroidismo.

Ipotiroidismo

L’ipotiroidismo è una sindrome che si verifica in seguito a una insufficiente azione degli ormoni tiroidei a livello dei vari tessuti; ciò avviene quando la tiroide non produce quantità sufficienti di ormoni tiroidei, determinando uno squilibrio in tutto l’organismo.

Fra le cause di ipotiroidismo, alcune delle più importanti sono:

  • malattie autoimmuni (ad es. tiroidite di Hashimoto)
  • rimozione chirurgica della tiroide
  • terapia con iodio radioattivo
  • alcuni farmaci (ad es. l’amiodarone utilizzato per le aritmie cardiache, il litio per determinati problemi psichiatrici)

Talvolta, invece, l’ipotiroidismo può essere congenito (nel qual caso è presente fin dalla nascita), dall’incapacità della ghiandola ipofisaria di produrre l’ormone necessario alla stimolazione della tiroide (TSH), dalla gravidanza o dalla carenza di iodio.

I sintomi e segni dell’ipotiroidismo variano considerevolmente a seconda dell’età di insorgenza, della durata e dell’entità della condizione. Fra questi, si possono elencare:

  • Stanchezza e sonno;
  • Eccessiva sensibilità al freddo;
  • Costipazione;
  • Secchezza e pallore della pelle;
  • Debolezza e crampi muscolari;
  • Elevati livelli di colesterolo nel sangue;
  • Depressione;
  • Periodi mestruali irregolari o più abbondanti del solito;
  • Problemi di memoria;
  • Rallentamento della frequenza cardiaca;
  • Mixedema (accumulo di liquidi sottocutaneo).

Ipertiroidismo

L’ipertiroidismo è una condizione caratterizzata dalla presenza eccessiva di ormoni tiroidei in circolo. E’ più comune nelle donne che negli uomini e tende ad avere un andamento familiare.

L’ipertiroidismo può essere causato da diverse malattie. Fra le più comuni ci sono:

  • Il morbo di Graves (una malattia autoimmune);
  • I noduli tiroidei (l’adenoma tossico, il gozzo multinodulare tossico e la malattia di Plummer);
  • Le tiroiditi (infiammazioni che portano al rilascio nel sangue dell’ormone immagazzinato nella tiroide).

Va infine ricordato come anche alcuni farmaci (interferone, amiodarone) possano indurre condizioni di ipertiroidismo.

L’eccesso di ormoni tiroidei ha serie conseguenze sul metabolismo, portando a un’improvvisa perdita di peso e aumento dell’appetito. Inoltre, può causare anche:

  • Tachicardia;
  • Ansia, nervosismo, irritabilità;
  • Tremori ed eccessiva sudorazione;
  • Irregolarità mestruali;
  • Intolleranza al caldo;
  • Disturbi intestinali;
  • Stanchezza e debolezza muscolare;
  • Disturbi del sonno;
  • Assottigliamento della pelle e capelli fragili.

Nel caso del morbo di Graves l’ipertiroidismo può associarsi a una complicanza oculare (oftalmopatia di Graves), che si manifesta inizialmente con la comparsa di occhi sporgenti (esoftalmo). Le tiroiditi subacute si caratterizzano per la presenza di febbre e dolore al collo.

Il Check Up Base Tiroide è così composto:

  • FT3
  • FT4
  • TSH

Il Check Up Completo Tiroide è così composto:

  • FT3
  • FT4
  • TSH
  • Anticorpi Anti Tireoglobulina (A-TG)
  • Anticorpi Anti Tireoperossidasi (A-TPO)
  • Tireoglobulina
  • Calcitonina

CHECK UP BASE

20,00
Nessuna prenotazione necessaria
Refertazione 1/2 giorni lavorativi
Possibilità di ritiro Referto Online

CHECK UP COMPLETO

65,00
Nessuna prenotazione necessaria
Refertazione 1/2 giorni lavorativi
Possibilità di ritiro Referto Online

Come prepararsi agli esami

Prima di sottoporsi al prelievo è fondamentale osservare un digiuno di almeno 8-12 ore; alcool, zuccheri e caffè possono rendere inattendibili i risultati.

Anche il fumo può alterare i risultati, pertanto, si raccomanda di non fumare nelle ore che vanno dal risveglio al prelievo ematico. E’ consentito bere solo modiche quantità di acqua (1-2 bicchieri).