fbpx

L’intolleranza al lattosio è una condizione in cui l’organismo non è in grado di metabolizzare il lattosio, lo zucchero presente nel latte e nei suoi derivati.

Questa incapacità si manifesta quando viene a mancare parzialmente o totalmente la lattasi, l’enzima presente nell’intestino tenue che è in grado di metabolizzare il lattosio scindendolo nei suoi due zuccheri semplici: galattosio e glucosio.

L’intolleranza al lattosio, in alcuni casi, può essere acquisita (secondaria) quando la mancanza di lattasi è dovuta alla distruzione delle cellule che la producono a livello intestinale causata da una malattia (come la celiachia, una gastroenterite o una malattia infiammatoria), un intervento o un trauma.

Nel 90% dei casi, invece, l’intolleranza al lattosio ereditaria (primaria), ovvero riconducibile ad una variazione del DNA (un polimorfismo C/T nella posizione -13910) del gene che codifica per la lattasi. Se tale polimorfismo è presente in omozigosi, ossia in entrambe le copie del gene, può portare ad una ridotta produzione di questo enzima nei microvilli intestinali e quindi ad una carenza di lattasi.

L'Intolleranza al lattosio - Test genetico

Il test genetico per l’intolleranza al lattosio permette di valutare la presenza del polimorfismo C/T in posizione  -13910 del gene della lattasi e, quindi, di distinguere tra chi ha entrambe le copie sane del gene (T/T), chi ne ha solo una sana (T/C) e chi le ha entrambe mutate (C/C). Gli omozigoti TT producono alti livelli di lattasi e quindi sono in grado di digerire tranquillamente il lattosio; la variante C in omozigosi (genotipo C/C) si associa ad una minore produzione di lattasi da cui ne consegue una maggiore difficoltà nel digerire il lattosio.

Il test genetico indica quindi se il soggetto è predisposto o meno a sviluppare un deficit dell’enzima lattasi (ipolattasia) nel corso della vita. Esso è finalizzato all’identificazione della variante -13910C>T nel gene della lattasi e deve essere considerato un test di esclusione, utile cioè ad escludere il coinvolgimento della componente genetica nell’insorgenza di eventuali disturbi conseguenti all’ingestione di alimenti contenenti lattosio.

Cose da sapere sul Test genetico per l'Intolleranza al lattosio

Il test viene può essere eseguito sia tramite un prelievo di sangue sia attraverso un semplice campione di saliva prelevato mediante tampone buccale.

Il test genetico per l’intolleranza al lattosio è un test utile ad escludere la componente genetica nell’insorgenza dell’intolleranza al lattosio. Non è, quindi, esaustivo nella diagnosi di intolleranza al lattosio. Per verificare se sintomi come dolori, gonfiori addominali o dissenteria sono causati da un malassorbimento di lattosio è necessario il Breath Test.

Il test genetico è consigliato come forma di prevenzione per i nuovi nati, che non possono sottoporsi al breath test al lattosio.

Non è richiesta alcuna preparazione particolare. Si consiglia di sciacquare la bocca con un pò di acqua 30 minuti prima di sottoporsi al test.

TEST GENETICO INTOLLERANZA AL LATTOSIO

55,00
Non è necessaria alcuna prenotazione
Tempi di refertazione 15/20 giorni lavorativi
Possibilità di ritirare il Referto Online